Cerca nel blog

sabato 24 gennaio 2015

Prossime uscite: Shaun, Vita da pecora

“Shaun, Vita da pecora” al cinema dal 12 Febbraio 2015
Aardman Animation porta nei cinema la serie animata “Shaun the sheep” ,  letteralmente “Shaun la pecora” tradotto per l’Italia (in quel gioco di traduzione per cui i titoli debbano essere snaturati e/o resi più accattivanti nella loro conversione dall’ inglese all’ italiano) con “vita da pecora”. Trasmessa per la prima volta nel 2007 in Gran Bretagna sulla rete CBBC e portata in Italia nel 2010 dal canale satellitare Toon Disney, anche se – ricordiamo - il personaggio Shaun debutta già nel  lontano 1995 apparendo nel corto “Una tosatura perfetta” i cui protagonisti erano Wallace & Groomit, uno dei cavalli di battaglia della Aardman, insieme al celebre “Galline in fuga” (2000) e “Giù per il tubo!” (2006)…


Trama: “la vita della fattoria sta iniziando a diventare noiosa. Giorno dopo giorno, il Fattore dice a Shaun quel che deve fare; così, Shaun architetta un piano per prendersi un giorno libero: ma si deve stare attenti a quel che si desidera! Insieme al gregge, elabora un’idea geniale: una dopo l’altra, le pecore saltano la staccionata così che il Fattore, contandole, si appisoli. Dopodiché, muovendosi silenziosamente, lo portano in una vecchia roulotte parcheggiata in un angolo del campo ricreando tutte le condizioni tipiche della notte. Quando Bitzer le scopre, ormai la frittata è fatta; cercano quindi di riportare il Fattore fuori dalla roulotte che, a quel punto, inizia a muoversi dirigendosi precipitosamente verso la strada, con il Fattore avvolto in un sonno profondo ancora al suo interno. Bitzer si scaglia all’inseguimento della roulotte, che punta dritta verso la Grande Città. Shaun e il gregge rimangono alla fattoria, ma il caos prende il sopravvento: Bitzer e il Fattore non si vedono più. A quel punto, decidono di lanciarsi alla ricerca dei due per porre rimedio al problema che hanno creato. Shaun ritroverà il Fattore prima che se ne perdano le tracce per sempre?



La sfida più grande che si pone “Shaun, Vita da pecora” è di realizzare un lungometraggio in stop-motion assolutamente privo di dialoghi e sottotitolazioni. Gli animali si esprimono con i loro versi caratteristici, mentre dal punto di vista degli animali sono gli umani stessi ad emettere solo grugniti e borbottii incomprensibili. Le scenette divertenti / avventurose unite a gag a volte perfino paradossali ma molto piacevoli e ad una trama semplice ma efficace rendono tuttavia il film perfettamente comprensibile sia dal punto di vista di un bambino che da quello di un adulto.








































E’ davvero difficoltoso far muovere e “pensare” delle figure in claymation (la tecnica che in gergo cinematografico si occupa di far muovere attraverso serie di 10/12 frame al secondo, personaggi di plastilina) ma il team Aardman , specializzato in missioni impossibili, ci riesce alla grande, anche grazie all’ utilizzo di sofisticati programmi di computer grafica. Così non possiamo fare a meno di innamorarci di personaggi come la tenera cagnolina randagia Slip, che sotto all’ aspetto disordinato e bizzarro nasconde un cuore d’oro o del piccolo Timmy, agnellino del gruppo, il più giovane e spericolato del gregge che non si stacca mai dalla madre o ancora a Shirley la pecora più epicamente golosa (e soffice) del gregge.
Trovarsi quindi a tifare per Shaun nella sua mirabolante avventura alla ricerca del fattore è un attimo, così come farsi scendere la lacrimuccia.

Nessun commento:

Posta un commento

MXP5 Peak Factor